Heritage Avenida Liberdade: il comfort di casa, nel viale più cosmopolita di Lisbona

Sep. 16 2019

Raggiungere un Hotel può essere piuttosto stressante, soprattutto se non si conosce Lisbona. Non temere, al tuo arrivo concediti un momento per te.

Basta entrare nell’Hotel Heritage Avenida Liberdade per lasciarsi alle spalle la frenesia della città e immergersi in un’atmosfera tranquilla, mentre lo sguardo inizia a vagare sui dettagli con cui la hall accoglie gli ospiti: lo straordinario soffitto, le eleganti finestre alte 4 metri attorniate da piastrelle bianche e blu per lo più originali e risalenti alXVIII secolo (altre sono copie eccezionalmente fedeli) a testimonianza di tempi passati.

Il mobile dai mille cassetti

Entrando sulla sinistra si trova il gioiello di questo edificio: l’antico bancone dell’erboristeria Ervanária Hermética che un tempo occupava tutto l’ambiente. Un pezzo sorprendente che incuriosisce immediatamente per i suoi innumerevoli cassetti, grandi e piccoli.

Ci sono scaffali per l’esposizione di prodotti portoghesi che oggi, come souvenir, viaggiano in tutto il mondo nei bagagli di chi riparte per tornare a casa. In fondo al bancone c’è un’insegna, anch’essa originale dell’erboristeria, sotto cui gli ospiti possono trovare tè e caffè in qualsiasi momento.

Dove passato e presente si incontrano

Il racconto della storia di questo luogo è appena cominciato. Da qui due porte di un originale colore blu si spalancano in tutta la loro imponenza per lasciare il posto alla rampa d’accesso.

All’ingresso salta all’occhio il moderno lampadario che, nella sua eccentricità, risplende fastoso e semplice allo stesso tempo senza entrare in competizione con i dettagli d’epoca che danno vita all’ambiente. Si tratta di uno dei pochi pezzi moderni, ma ci fa già comprendere come la Storia, il passato e presente convivano in armonia in questo Hotel.

E siamo ancora all’ingresso.

Un ascensore da visitare

È una sorpresa anche l’ascensore per raggiungere le camere, i suoi dettagli sono sufficienti ad intrattenerci durante il breve viaggio.

Sulle porte, ci sono poesie di autori portoghesi che ci tengono occupati mentre siamo in attesa. Una volta entrati ci si sente quasi in una delle strade di Lisbona: siamo in piedi su un tipico pavimento portoghese fatto di ciottoli e impeccabilmente levigato, e il Tram 28 ad aspettarci; un invito ad esplorare la città.